Associazione Nazionale Carabinieri
"V.Brig. Salvo D’Acquisto M.O.V.M” Roma Divino Amore

8 marzo 2015 - Festa della donna e della solidarietà

 

"Senza le donne l'Italia sarebbe più povera e più ingiusta". Così il presidente della Repubblica  Sergio Mattarella alla vigilia della festa delle donne: "Loro uniscono sviluppo e tutela dell'ambiente. Sono più capaci di produrre senza distruggere".

Ci associamo a quanto detto dal nuovo Presidente della Repubblica, che giustamente mette in evidenza il ruolo importante delle donne; “Peccato che i suoi meriti vengano riconosciuti solo una volta all’anno e non da tutti”, non è più così.  Il ruolo delle donne ha assunto dimensioni talmente evidenti nel campo sociale, politico ed economico, che finalmente chi non lo riconosce può ritenersi davvero miope.

Cio’ premesso, Domenica 8 marzo, nella giornata dedicata alle donne,  la nostra Sezione continua la collaborazione  con l’A.I.S.M. – l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla- per la raccolta di fondi da destinare alla ricerca di questa malattia neurodegenerativa del nostro sistema nervoso centrale, che negli ultimi anni ha fatto grandi passi in avanti.

La nostra Sezione è particolarmente attenta nel voler rendersi utile alla comunità, anche in questo aspetto,  attraverso questi piccoli, importanti segnali positivi, per il bene comune. Piccoli episodi di solidarietà che messi insieme consentono di progredire nella ricerca.  

E’ stata una bella giornata di sole, in cui i nostri rappresentanti, il socio  Aldo Delfini ed il presidente Pietro Paolo Demontis, in impeccabile uniforme, hanno avuto modo di constatare,  ancora una volta, insieme ai volontari AISM, che la generosità di uomini e donne, di giovani e anziani, ha prevalso sulla crisi che ci attanaglia, sui problemi di tutti i giorni,  che non valgono nulla di fronte a chi sta male.

Le piantine di gardenia  donate ai visitatori della postazione AISM davanti alla chiesta di Don Bosco al Tuscolano, sono andate a ruba in poche ore, molti sono stati i cittadini che hanno fatto offerte senza nulla in cambio. E’ stata quindi, anche la giornata non solo della donna, ma anche  della solidarietà verso un problema, il cui onere ricade sempre più ricorrentemente sulla popolazione, unita in un grande ideale abbraccio di solidarietà.