Associazione Nazionale Carabinieri
"V.Brig. Salvo D’Acquisto M.O.V.M” Roma Divino Amore

Volontariato - Attività di Sezione

PRINCIPALI ATTIVITA' DELLA SEZIONE

All’interno della Sezione è stato costituito un gruppo di volontari per svolgere attività di carattere sociale e assistenziale, come previsto dallo Statuto.

Questa attività consente nuove esperienze e conoscenze, ma soprattutto da modo di aver contatto diretto con i deboli, con i sofferenti, con chi ha bisogno di un sorriso e magari di scambiare due parole che siano di conforto e di sostegno.

Noi intendiamo esercitare questa attività con spirito di servizio anche per questi motivi.

Collaboriamo con la stazione dei Carabinieri del Divino Amore per offrire il nostro  contributo alla Parrocchia della Madonna del Divino Amore, affinché sia assicurato  un sereno svolgimento della festa parrocchiale.

Siamo presenti alla festa con un gazebo, distribuiamo depliant, cartoline, manifesti e quant’altro sulle attività dei carabinieri in servizio  e dell’associazione stessa , spiegando ai visitatori l’interesse dell’associazione a voler rendersi utile alla comunità, attraverso le iniziative di carattere sociale, culturale e assistenziale.

Il contatto con i cittadini è sempre cordiale e costruttivo, che ci consente di far sentire la nostra istituzione vicino alla comunità.


Ad ottobre 2013 siamo intervenuti in occasione della visita della statua della Madonna di Fatima al Santuario del Divino Amore. E’ stata una giornata faticosa ed entusiasmante, ma di vitale importanza: i nostri volontari si sono distinti a pieno merito, offrendo un notevole contributo alla sicurezza dell’evento, presidiando e vigilando gli accessi in vari punti del Santuario. Al termine del servizio, i volontari si sono salutati per la foto ricordo, insieme ai locali carabinieri in servizio, con i quali avevano collaborato.

A dicembre 2013 una rappresentanza della sezione in uniforme è intervenuta con la bandiera ad una cerimonia privata, promossa dalla famiglia del socio Sergio Lotti per onorare la memoria dei defunti genitori Arcangela e Guerrino, persone che in passato si erano prodigate per la crescita sociale della comunità di Falcognana. La Sezione ha sentito di partecipare all’evento per testimoniare il rispetto che Guerrino Lotti, in particolare, aveva verso l’Arma dei Carabinieri, vista come istituzione attorno alla quale costruire una comunità rispettosa delle regole. La toccante cerimonia si è svolta in un’ atmosfera familiare e con la sentita partecipazione dei residenti.

Il 5 aprile 2014, nel suggestivo scenario del Santuario della Madonna del Divino Amore, si è celebrato il precetto Pasquale organizzato dal Generale di Brigata Gaetano Maruccia, Comandante della Regione Carabinieri Lazio, alla presenza di tutte le più alte cariche di comando dell’Arma e della Associazione Nazionale Carabinieri presieduta dal Generale di Corpo D’Armata Libero Lo Sardo rappresentato durante il precetto Pasquale dal Generale (D) Luigi Magliuolo. La funzione è stata concelebrata dai cappellani militari e presieduta da Sua Eccellenza il Vescovo Ordinario Militare di Italia Santo Marcianò.

Una folta delegazione della nostra Sezione, oltre a partecipare alla celebrazione del Precetto, ha svolto con il gruppo dei Volontari un valido servizio per garantire la piena riuscita dell’evento, unitamente ai Carabinieri della Stazione del Divino Amore, con il Comandante Maresciallo Bennici ed il vice Maresciallo Iuliano e con il coordinamento del Capitano Stanziani Comandante della Compagnia di Pomezia.

Il 5-6-7 settembre 2014 si è svolta l’annuale  festa della  comunità  parrocchiale del Divino Amore con la partecipazione  di migliaia  di  persone  che sono accorse al  Santuario  della Vergine Maria per pregare e  chiedere grazie per se e per il mondo intero turbato da mille conflitti e tanta indifferenza verso il prossimo.

Non poteva  mancare  alla  festa  la  nostra  Associazione  che ha allestito  un gazebo arricchito  da un manichino in uniforme storica dell’Arma, da un busto con cappello con pennacchio da Grande Uniforme Speciale, da un casco coloniale , da un casco utilizzato dell’ultima guerra e da uno stemma riproducente un’insegna dei carabinieri reali ( oggetti gentilmente ceduti per l’occasione dall’ANC-Sezione di Fiumicino, a cui va il nostro ringraziamento).

Riviste, depliant ed oggettistica varia sono state distribuite alle numerosissime  persone che si sono avvicinate al nostro gazebo presidiato costantemente dai Soci che si sono prestati volontariamente a svolgere sia attività di  propaganda  delle nostre attività ,  sia di sorveglianza e vigilanza sul territorio in stretto contatto con la Stazione Carabinieri del Divino Amore  ed in accordo con il personale del Santuario.

Il 13 Settembre 2014, una rappresentanza con bandiera, con a capo il presidente della Sezione,  ha partecipato, unitamente alle numerosissime Associazioni Combattentistiche e d’Arma,   alle celebrazioni del 70° Anniversario in ricordo dei caduti sul Fronte Anzio e Nettuno  durante lo sbarco delle truppe alleate, avvenuto durante la seconda guerra mondiale e determinante ai fini dell’esito finale della guerra.

Alla commemorazione hanno preso parte molti comuni della provincia di Latina, con Gonfaloni decorati con Medaglia d’Oro e d’Argento , al valor Militare e Civile.

L’Ispettore regionale ANC Gen.(D) Luigi  Magliuolo ed il suo vice,  Magg. Botticelli, presenti alla manifestazione , hanno condiviso alcune foto con la rappresentanza della Sezione, in ricordo della bellissima giornata.

Domenica 12 ottobre 2014, al Centro Commerciale i Granai ed al Parco dell’Eur, alcuni nostri volontari in uniforme hanno collaborato con i volontari dell’A.I.S.M. (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) per la raccolta di fondi da destinare alla ricerca di questa malattia neurodegenerativa del nostro sistema nervoso centrale, che negli ultimi anni ha fatto grandi passi nel chiarire il modo con cui la malattia agisce, permettendo così di arrivare ad una diagnosi ed a un trattamento che consentono alle persone con sclerosi multipla di mantenere comunque una buona qualità di vita.

E’ stata una giornata particolare, dove ancora una volta, la generosità di uomini e donne, di giovani e anziani, ha prevalso sulla crisi che ci attanaglia, sui problemi di tutti i giorni che non valgono nulla di fronte a chi sta male.

Le mele rosse e verdi donate dai volontari AISM in un grazioso sacchetto rosso, con incluso un depliant utilissimo sulla SM, avevano un sapore particolare, erano buonissime, sapevano di solidarietà, sapevano di buono, di aiuto verso un settore che non sempre è al centro delle attenzioni dei governanti, distolti da altre priorità, come se la ricerca non fosse al di sopra di ogni cosa.

Al termine della giornata trascorsa con i volontari AISM possiamo trarre un bilancio  positivo, dove si sono mescolate le esperienze di tutti, dove è prevalso l’atteggiamento di collaborazione dei cittadini e la  nostra voglia di renderci utili alla comunità. In fin dei conti è bastato poco per sentirci tutti coinvolti in un grande ideale abbraccio di solidarietà.

Venerdi 21 novembre 2014,  si è svolta ad Ardea la Santa Messa presieduta dal vescovo di Albano  in occasione della ricorrenza della Virgo Fidelis, patrona dei Carabinieri. C’è stata la partecipazione di associazioni ANC,  tra le quali anche la nostra rappresentanza con bandiera, con a capo il presidente Demontis ed i Consiglieri Langianese e Mancini.  Sono accorsi numerosi i Carabinieri in servizio attivo ed in congedo, oltre ad altri rappresentati dell’Esercito. Nella chiesa di San Pietro Apostolo erano presenti varie autorità civili e militari, tra i quali i Comandanti Ugo Floccher e Marco Spaziani della Compagnie di Anzio e Pomezia, promotori della cerimonia. L’omelia del vescovo ha messo in risalto la figura della Vergine, Madre fedele e protettrice dell’Arma, ispirata alla fedeltà dei Carabinieri, che hanno per motto “Nei secoli fedele”. La preghiera del Carabiniere e dell’Orfano hanno concluso la partecipata cerimonia.  E’ seguito un gustoso rinfresco presso la nuova sede della Tenenza di Ardea. 

Sabato 29 novembre a Priverno, comune della provincia di Latina, nel quadro del Bicentenario dell’Arma, del 70° Anniversario del sacrificio dei tre Carabinieri cosiddetti  “Martiri di Fiesole” e del 50° Anniversario della costituzione della Sezione ANC di Priverno, ha avuto luogo la cerimonia di intitolazione del parco nella vicina frazione di Ceriara ai tre eroici Carabinieri e l’inaugurazione di un monumento alla loro memoria. E’ stata una giornata di intense emozioni che ha visto anche  la partecipazione della popolazione e delle massime autorità civili e militari. Ha fatto gli onori di casa il Presidente della Sezione ANC Maggiore Botticelli, che ha fortemente voluto la manifestazione e a cui si deve l’organizzazione riuscitissima  dell’evento, come opportunamente sottolineato dal Generale Magliuolo intervenuto in rappresentanza dell’ANC. La  nostra Sezione è stata rappresentata dal Presidente Demontis e dal Consigliere Langianese che ha portato fieramente la bandiera dell’associazione.    La giornata è iniziata con un bel colpo d’occhio rappresentato dalle numerose associazioni ANC, Combattentistiche e d’Arma intervenute per onorare i Martiri di Fiesole. E’ stata molto folta la presenza femminile in uniforme sociale ANC che ha dato un tocco di grazia alla manifestazione. La giornata è iniziata con la sfilata lungo le vie del centro cittadino dei partecipanti ordinati e composti con la banda musicale, i Gonfaloni e le Bandiere delle Associazioni  in testa al corteo, molto applaudito dai residenti. Nella cattedrale S. M. Assunta  di Priverno si è svolta la Santa Messa, presieduta dal parroco Don Giovanni che nella sua omelia ha ben evidenziato il ruolo sociale della Benemerita, delle associazioni che concorrono a tenere vivi i valori dell’Arma, ma soprattutto il significato del sacrificio umano  dei tre Carabinieri “Martiri di Fiesole” , Alberto La Rocca, Vittorio Marandola e Fulvio Sbarrett, insigniti della Medaglia d’oro al Valor Militare che hanno sacrificato le loro giovani vite per salvare dalla fucilazione 10  civili da parte dell’esercito nazifascista tedesco,  nell’ultimo conflitto mondiale. E’ stata ricordata anche la ricorrenza della Virgo Fidelis, patrona dell’Arma,  Madre fedele, in relazione al motto araldico dell’Arma (Nei secoli Fedele). Con la preghiera del Carabiniere e la consegna di due belle immagini della Vergine alla Sezione ANC  ed alla Tenenza di Priverno,  si è conclusa la S. Messa gremita in ogni ordine di posti. La manifestazione è poi proseguita con la deposizione di una corona d’alloro sul cippo nel parco della frazione di Ceriara, benedetto dal parroco don Giovanni,  a ricordo dei tre Carabinieri fucilati.

Non è sfuggita all’attenzione dei presenti anche la presenza di numerosi bambini con le loro bandierine  sventolanti, nonostante la pioggia insistente. Dopo la lettura della motivazione che ha ricordato il gesto dei Carabinieri eroi, il Maggiore Botticelli e le autorità civili e militari hanno concluso con i loro discorsi commemorativi la toccante cerimonia, che ha visto anche la partecipazione composta dei  parenti dei Carabinieri Martiri di Fiesole. I partecipanti alla manifestazione si sono poi intrattenuti in un vicino noto ristorante, nel quale sono stati consegnati  attestati di benemerenza.